Francis Drake, l'ammiraglio - grandinavigatori

Vai ai contenuti

Menu principale:

Francis Drake, l'ammiraglio

I grandi navigatori > Francis Drake, 1577
Scontro navale
Nel 1585 scoppiò la guerra tra la Spagna e l'Inghilterra.
Drake navigò verso il nuovo mondo e
      • saccheggiò i porti di Santo Domingo e Cartagena.

Nella tratta di ritorno del viaggio
      • catturò il fortino spagnolo di Saint Augustine in Florida.

Queste imprese incoraggiarono il re Filippo II di Spagna a dare ordini per pianificare una invasione dell'Inghilterra.
Forte di Saint Agustine in Florida
Forte di Saint Agustine in Florida
Effettuando un colpo preventivo,
Drake diresse una flotta su Cadice,
una delle principali porte d'ingresso in Spagna,

      • occupando la città per tre giorni e
      • distruggendo 26 navi nemiche
      • ed una grande quantità di scorte.

Questo attacco ritardò l'invasione spagnola di un anno.
Cadice
Cadice
Quando gli Inglesi dovettero affrontare l'Armada spagnola che stava cercando di invadere l'Inghilterra nel 1588, Drake era stato nominato vice ammiraglio in capo della flotta inglese (sotto Lord Howard di Effingham).

Nel 1588 l'invincibile armata salpò per invadere l’inghilterra. Era composta da

    • una grande flotta di 150 navi

    • e 30.000 uomini.

Mentre la flotta inglese inseguiva l'Armada lungo la Manica, Drake catturò il galeone spagnolo Rosario insieme all'ammiraglio Pedro de Vales e tutto il suo equipaggio, con ciò causando una grande confusione nella flotta inglese durante lo svolgimento dell'azione.

Nella notte del 29 luglio, insieme a Howard
Drake organizzò le navi incendiarie

che costrinsero la maggior parte dei capitani spagnoli a rompere la formazione e a far vela attraverso il passo di Calais verso il mare aperto.


L'attaco della invincibile armada
L'attacco della invincible armada
Navi incendiarie
Dopo 6 giorni di combattimento l’invincibile armata fu costretta a ritirarsi e, avendo gli inglesi alle spalle, fu costretta a puntare verso nord per ritornare in Spagna.

Il viaggio di ritorno fu disastroso.

Parte del merito della vittoria della
flotta inglese è dovuto anche alla
nuova concezione con cui erano
stati costruiti i galeoni inglesi.




La sconfitta dell'invincibile armada
La sconfitta dell'invincibile armada
Architettura dei galeoni inglesi
Galeoni inglesi
Un altro contributo alla vittoria inglese è da attribuire alle nuove
colubrine
con cui erano armati i vascelli inglesi. Colubrine che avevano una potenza di tiro decisamente superiore ai cannoni spagnoli.

Ancora una volta la tecnologia ebbe il merito della vittoria. Ricordiamo alcuni esempi:
  • battaglia di Milazzo : con l'invenzione dei corvi i romani sconfiggono le navi fenicie
  • I Vichinghi: disponevano di navi velocissime in grado di raggiungere i 16 nodi
  • La battaglia di Lepanto : vinta per merito delle galeazze veneziane che potevano sparare anche dalle fiancate; le galee turche viceversa erano armate solo a prua ed a poppa

La colubrina
colubrina
Drake successivamente intraprese una lunga e disastrosa campagna contro le colonie spagnole in America,
subendo numerose e continue sconfitte.

Ultima delle quali l'attacco a Puerto Rico, durante il quale un colpo di cannone sparato dalla fortezza di San Felipe del Morro raggiunse il ponte della sua nave, ma Drake riuscì miracolosamente a sopravvivere.
Portorico: la fortezza
Porto Rico
A metà del gennaio 1596,
morì di dissenteria a 56 anni
mentre era ancorato nella baia di Portobello dove venne seppellito.
Drake statua
Elisabetta,
grande protettrice di Drake,
nel 1603 fu colpita da una brutta depressione. Non sopportava più i discorsi di governo, sentiva la morte vicina e si lasciava andare.

Morì all'età di 70 anni il 23 marzo nel palazzo di Richmond pronunciando la famosa frase:

"chiamatemi un prete: ho intenzione di morire".



Elisabetta
C'è una leggenda popolare secondo la quale, se l'Iinghilterra fosse mai in pericolo,

battendo sul tamburo di Francis Drake,

lo si farebbe ritornare in tempo per salvare la patria con la sua Golden Hinde.
Golden Hind
Golden Hind
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu